Lutto per Giorgio Pastori

Il 17 novembre 2017, dopo un peggioramento delle condizioni di salute già critiche (una particolare intenzione era stata rivolta durante la s. Messa celebrata in occasione dell’Assemblea dell’11 novembre), ci ha lasciati il prof. Giorgio Pastori, studente del Collegio Augustinianum negli anni 1954-1958, “maestro del diritto” e membro del comitato scientifico dell’Associazione, da sempre molto vicino al Collegio.
Nato a Reggio Emilia il 31 marzo 1937, era entrato in Collegio nel 1954 e si era laureato in giurisprudenza nel 1958 ; libero docente in diritto amministrativo nel 1966, titolare di cattedra dal 1972 prima nell’ Università di Trento   per diritto amministrativo e poi nell’Università di Padova per scienza dell’amministrazione,  dal 1976 era stato ordinario di scienza dell’amministrazione e poi dal 1978 di diritto amministrativo nella Facoltà di giurisprudenza dell’Università Cattolica . Prorettore nel triennio 1980-83, Preside della Facoltà di Giurisprudenza dal 1987 al 2010, dal 2011 era Professore emerito di Diritto amministrativo.
Tra l’altro componente di commissioni di studio presso la Presidenza del Consiglio e  diversi Ministeri, ha coordinato nel 1997-98 il gruppo di lavoro della Presidenza del Consiglio per l’attuazione della legge sul decentramento amministrativo nel settore delle attività produttive e il gruppo di lavoro per il riordino dei ministeri nel medesimo settore.
La sua intensa attività scientifica, ricca di più di  trecento titoli, ha riguardato i temi della pubblica amministrazione in generale, dell’organizzazione amministrativa e del pubblico impiego, dell’attività e del procedimento amministrativo, nonché quelli dell’amministrazione regionale e locale, dell’intervento pubblico in campo sociale,  economico e territoriale, dei rapporti cittadini, società e istituzioni, delle formazioni  e delle autonomie sociali.
Era Grand’Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana (1994).
Il Collegio lo ricorda per la sua vicinanza e la sua attenzione nei confronti degli studenti e dell’Associazione.

(leggi la notizia su Cattolicanews)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *