Memoria degli agostini scomparsi – 2019

Il 31 marzo è mancato nella sua casa di Pesaro Pierfrancesco Casula, iscritto alla facoltà di giurisprudenza nel 1958 e studente in Augustinianum, successivamente giudice a Pesaro e infine presidente del Tribunale di Rimini.

Nel mese di aprile, a soli 55 anni, si è spento Giandonato Giordano, già sindaco di Guardia dei Lombardi dal 1991 al 2001, consigliere provinciale ad Avellino e collaboratore di Repubblica Napoli. Matricola in Collegio negli anni 1985-86, era molto affezionato al collegio e agli amici del tempo. Lascia la moglie e due figli.

Sabato 13 aprile è tornato alla casa del Padre Duilio Gregorini, matricola in Augustinianum nel 1960. Esperto di design e storico collaboratore della casa di design fondata da Aurelio Zaontta, ha lavorato con designer come Bruno Munari e Achille Castiglioni; ha sempre partecipato con entusiasmo alle riunioni annuali fino a quando, sul fare degli anni 2000, lo hanno aggredito i primi sintomi del Parkinson.

A Pasqua ha concluso, improvvisamente, la sua esperienza terrena Paolo Persia, agostino degli anni 1988-1993 e avvocato in Matera. Stimato professionista e frequentatore assiduo degli appuntamenti degli Agostini del sud, lascia tra i numerosi amici del Collegio un grande vuoto.

Il 21 giugno è mancato l’avvocato Alfio Rapisardi, in Collegio negli anni 1951-1955, fondatore a Milano dello Studio Rapisardi&Ginevra specializzato nell’assistenza legale nei settori della proprietà industriale e intellettuale e nella comunicazione.

La memoria degli Agostini scomparsi  |  2018

Un pensiero su “Memoria degli agostini scomparsi – 2019”

  1. La notizia della scomparsa di Pierfrancesco Casula mi ha dolorosamente colpito. All’Augustinianum eravamo entrati insieme nel 1958, occupavamo due stanze poco distanti l’una dall’altra al 4° piano. Lo ricordo intelligente, equilibrato, simpatico, spiritoso mai sopra le righe.
    Non l’avevo più rivisto, ma ora è qui davanti alla mia mente come se fosse ieri. Riposa in pace, Pierfrancesco.
    Pietro Ghigini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *